Analisi delle acque destinate al consumo umano

In linea con quanto previsto dal D.lgs. 31/2001, l’analisi di routine fornisce informazioni sulla qualità organolettica e microbiologica dell’acqua, nonché sull’efficacia di eventuali trattamenti.

QUALCHE DEFINIZIONE

Sono definite acque destinate al consumo umano le acque trattate o non trattate, destinate ad uso potabile, per la preparazione di cibi e bevande, o per altri usi domestici, a prescindere dalla loro origine, siano esse fornite tramite una rete di distribuzione o mediante cisterne.

Per impianto di distribuzione domestico si intende l’insieme delle condutture, i raccordi, le apparecchiature installati tra i rubinetti normalmente utilizzati per l’erogazione dell’acqua destinata al consumo umano e la rete di distribuzione esterna.

La delimitazione tra impianto di distribuzione domestico e rete di distribuzione esterna, denominata punto di consegna, è costituita dal contatore, salva diversa indicazione del contratto di somministrazione.

IL D.LGS. 31/2001

Il decreto disciplina la qualità delle acque destinate al consumo umano al fine di proteggere la salute umana dagli effetti negativi derivanti dalla contaminazione delle acque, garantendone la salubrità e la pulizia.

Il Gestore della rete adempie agli obblighi del decreto se i valori di parametro fissati nell’allegato I della normativa, sono rispettati nel punto di consegna.

Il Titolare/Responsabile della gestione dell’edificio o della struttura devono assicurare che i valori di parametro fissati dall’allegato I, rispettati nel punto di consegna, siano mantenuti nel punto in cui l’acqua fuoriesce dal rubinetto.

L’analisi di Routine

Vanno sottoposti ad Analisi di Routine almeno i parametri:

1) Parametri chimico-fisici:

  • Colore
  • Odore
  • Sapore
  • pH
  • Conducibilità elettrica a 20°C
  • Torbidità
  • Residuo fisso a 180°C
  • Ammonio
  • Ferro

2) Parametri microbiologici

  • Conta microbica totale a 22°C
  • Conta microbica totale a 36°C
  • Escherichia coli
  • Batteri coliformi totali a 37°C

Legionella

La Legionella è un microrganismo che grazie alle sue notevoli capacità di adattamento è in grado di colonizzare gli impianti idrici degli edifici, le condotte, fontane, impianti di riscaldamento, piscine.

La presenza di condizioni favorevoli quali temperatura tra 25 e 42 gradi, disponibilità di nutrienti, presenza di ferro, zinco, manganese e di parassiti, favorisce la colonizzazione degli impianti idrici domestici e il diffondersi sotto forma di aerosol da docce e rubinetti, rappresentando una seria minaccia per la salute, soprattutto di anziani e bambini.

In condominio

Una verifica rigorosa, oltre a documentare ai Condòmini la qualità della fornitura idrica, supporta l’Amministratore nell’esercizio delle sue funzioni. All’Amministratore,  viene affidata la responsabilità della gestione   degli impianti condominiali, anche quello idrico, nonché il controllo dello stato di adeguatezza.

L’Analisi di routine rimane un’assoluta necessità anche come strumento per valutare lo stato dell’impianto idrico e garantire che lo stesso non crei alterazioni dei parametri di qualità dell’acqua, destinata all’uso umano.

È importante effettuare le analisi con opportuna periodicità in tutti i Condomìni laddove la particolare consistenza degli impianti rende possibile la modifica delle caratteristiche delle acque destinate al consumo umano.
Ad esempio, la presenza di centrale termica con impianto di produzione dell’acqua calda sanitaria e/o impianti di addolcimento e/o pozzi e/o cisterne etc. rendono stringente l’obbligo di verifica.

I nostri servizi

Adempia da oggi è in grado di fornire un servizio in più, a seguito dell’acquisizione di un ramo d’azienda.

Adempia effettua i prelievi tramite personale qualificato e con l’ausilio di laboratori autorizzati esegue:

  • Analisi di routine
  • Determinazione Legionella Spp
  • Analisi acqua di pozzo
  • Analisi acqua di piscina

Nonché ogni altra determinazione su specifica richiesta.

I commenti sono chiusi